Strategie del Blackjack Online


Come scommettere al Blackjack

I giocatori di questo gioco si dividono in due tipi, il primo è composto da giocatori che applicano le strategie del blackjack basate su schemi di conteggio delle carte, mentre il secondo gruppo è composto da coloro che si fanno guidare dal proprio intuito. Tutti gli esperti concordano sul fatto che seguire una strategia di base rappresenti il migliore metodo per migliorare le probabilità di vincere. In base a questa regola, le decisioni che il giocatore prende sono sempre una conseguenza delle carte presentate dal croupier. Le diverse strategie del Blackjack online variano a seconda se si gioca con un solo mazzo o invece con più mazzi. La possibilità di “resa” e l’eventuale variazioni alle regole applicate dal tavolo sono fattori da prendere attentamente in considerazione, e possono influenzare sensibilmente il gioco.

Le principali strategie del Blackjack


Stare con mano dura

Per quanto concerne le mani “dure”, cioè non composte anche da un asso, esistono delle regole specifiche per quanto concerne la possibilità di “stare”. In linea di principio, le strategie del blackjack indicano di:

  • Stare, quando il giocatore ha un 17 “duro”, indifferentemente dalle carte del croupier.
  • Stare, qualora abbia totalizzato tra il 13 e il 16 e le carte scoperte del croupier sono tra un 2 e un 6.
  • Stare, di fronte a una massiccia presenza di 10, il giocatore deve riflettere con attenzione perché corre il rischio di sballare anche con una sola carta pescata in più.
  • Stare, nel caso in cui la carta hole del croupier sia di valore 10, ma anche qualora la carta hole sia di valore inferiore, poiché le regole tipiche del banco obbligano il croupier, che ha totalizzato 16 o meno, a pescare una nuova carta: aumentando in questo modo le probabilità del croupier di sballare.

Stare con mano morbida

Le strategie del blackjack online rispetto alle mani morbide:

  • Il giocatore che abbia totalizzato un 18 morbido (un asso e un 7) deve stare qualora il croupier mostri un 2, 7 un 8 (e questa regola di base si applica sia alle partite giocate con un solo mazzo, tanto a quelle con più mazzi).
  • Si suggerisce invece di raddoppiare con il “double down” nel caso in cui il croupier presenti carte dal 3 al 6, nel caso in cui invece le regole del banco non permettano il raddoppio, allora si suggerisce di stare.
  • Nel caso in cui il croupier mostri un 9, 10 o un asso, il giocatore deve chiedere una nuova carta.
  • Si consiglia di stare sempre in caso di 19 morbido (asso + 8) a meno che il croupier non presenti un 6, e di stare sempre quando il giocatore possieda un 20 morbido (asso + 9), senza esitazione, indifferentemente dalle carte scoperte del giocatore.

Fare hit, ovvero chiedere una carta

Ci sono momenti in cui il giocatore per costruire una mano che possa battere il croupier, deve necessariamente chiedere una carta in più, “hit” nel gergo classico del blackjack. Ecco i casi più importanti:

  • Nel caso in cui il giocatore abbia una mano dura con un totale che non superi l’8, deve sempre chiedere una nuova carta, indifferentemente dalle carte eventuali del croupier.
  • Similmente, il giocatore che possiede una mano dura con un totale fino a 9 dovrà chiamare sempre, quando il croupier mostra un 2 o un 7 e fino a un asso.
  • Se il giocatore possiede un totale di 10, dovrà scegliere se chiamare una nuova carta o raddoppiare.
  • Se invece il giocatore possiede un 12, dovrà chiamare una nuova carta nel caso in cui le carte scoperte del croupier sono un 2, 3 o una carta tra il 7 e l’asso.

Double-down, ovvero il raddoppio

Questo tipo di raddoppio specifico del blackjack prevede il raddoppio della scommessa, ma a patto di pescare un’altra sola carta. In linea di massima, il giocatore che ha totalizzato 11 deve sempre raddoppiare. Alla base di questa mossa c’è la logica per cui dato il numero preponderante di 10 nel mazzo, è particolarmente probabile riuscire ad arrivare a 21 anche con una sola carta pescata. Qualunque carta pescata potrà avvicinare il giocatore al 21, mentre le regole del Banco impongono al croupier di stare nel caso in cui arrivi a 17.

Gli esperti delle strategie del blackjack suggeriscono il raddoppio quando:

  • Il giocatore ha una mano dura con totale da 10 e conseguentemente può arrivare fino a 20 con una sola pescata. Attenzione però, nel caso in cui il croupier presenti un 10 o un asso, si suggerisce fortemente di chiamare una nuova carta piuttosto che raddoppiare. Infatti se il croupier ha totalizzato 20 o 21, e la tua terza carta è piccola, un 2 o un 3, hai la possibilità di chiamare una nuova carta. Inoltre:
  • Giocando con un mazzo solo, si suggerisce di raddoppiare al giocatore che ha in mano un 9 duro di fronte a un croupier che mostra una carta dal 2 al 6.
  • Giocando con più mazzi, si consiglia al giocatore con un 9 duro di raddoppiare di fronte a carte del croupier dal 3 al 6.
  • Negli altri casi si suggerisce sempre di chiedere una carta in più, e nel caso in cui il giocatore possieda una mano con un totale da 12 a 16 senza assi, si sconsiglia di raddoppiare, qualsiasi siano le carte in mano al croupier.

Dicey Deuce, ovvero l’importanza del 2

Molto spesso quando si affrontano le diverse strategie di blackjack e soprattutto quando si comincia a scoprire il gioco, la preoccupazione principale dei giocatori è focalizzata sull’apparizione di un asso nelle mani del croupier.

E invece i più esperti, sanno che la carta più pericolosa di questo gioco è il 2, che proprio perché piccolo e quindi apparentemente innocuo, con la sua apparizione è in grado di stravolgere i piani di moltissimi giocatori. Nelle mani del giocatore, il 2 può causare “dolori” almeno quanto non accada se il 2 è tra le mani del croupier. Ecco un esempio: il giocatore possiede un 10 e un 9 e si sente decisamente tranquillo rispetto al piccolo 2 del croupier. Ma quando il croupier mostra la sua carta hole, un 8, e pesca un asso, ecco che in pochi secondi il giocatore ha perso tutto, passando dalle stelle alle stalle.